search slide
search slide
pages bottom

DICONO DI ME

Mi sono rivolto alla Dott. Travaini dopo aver letto il suo prezioso e illuminante libro, Il dono delle persone sensibili.
Quando sono arrivato da lei in studio, mi sembrava già un po’ di conoscerla, grazie all’abilità con la quale ha saputo raccontare e raccontarsi in quelle pagine.
Grazie a lei ho capito molte cose di me, in merito alla mia sensibilità ma non solo, davvero.
Le belle sorprese sono state all’ordine del giorno dei nostri incontri.
Mi ha anche fatto scoprire alcuni esercizi di bioenergetica, mostrando ciò che più mi è piaciuto del percorso fatto insieme: una felice unione tra riflessione, consapevolezza e pratica.
Il mio consiglio: leggete il libro, partite da lì.
E quando avrete la fortuna di incontrarla, ripenserete a queste mie parole come al piacevole ricordo del momento in cui il vostro viaggio è iniziato.

Un percorso fatto di lavoro con il corpo, tramite bionergetica e soprattutto nel mio caso, la strada della mindfulness. Un lavoro fatto sulle emozioni, ma affiancando sempre senso pratico e piccoli/grandi consigli per gestire il quotidiano, giorno dopo giorno.
Mi sono sempre sentito accolto, compreso ma anche e spesso, spronato a ribaltare in positivo i miei pensieri negativi.
Sono grato a me stesso per avere avuto il coraggio di uscire dal mio guscio e a questo percorso, di avere scacciato alcuni dei corvi che si agita(va)no su di me.

Sono grato a Nicoletta per il suo costante impegno, entusiasmo ed empatia.


Ricordo nitidamente le emozioni che provai quel giorno, quando ho letto su “Psicologia contemporanea” l’articolo della Dottoressa Travaini sulla tematica dell’ ipersensiblità, e il titolo del suo libro Il dono delle persone sensibili.

Ebbi come la sensazione di aver finalmente la risposta che cercavo da anni.
 Decisi di acquistare il libro, ma, prima, di contattare quella Dottoressa che aveva lo studio in una città vicinissima alla mia.
Scrissi di getto una mail e il mese successivo iniziai il mio percorso di psicoterapia con lei.

La Dottoressa Travaini è  perfetta per chi è  altamente sensibile, essendo altamente sensibile a sua volta ed essendosi specializzata anche in questo.

La professionalità e la solida dolcezza della Dottoressa sono un mix che mi permettono di sentire di essermi affidata alla persona giusta.
Ricordo la disperazione che provavo il giorno in cui lessi quell’articolo.

Ricordo che volevo andare dal medico a farmi prescrivere dei calmanti. Ricordo la fatica che facevo a prendermi cura della mia bimba.
E adesso, pian piano, ho imparato a rispettare il mio essere ipersensibile. Ho capito che devo partire da ciò che sono, senza nasconderlo. Ho iniziato un percorso di consapevolezza che mi sta aiutando a fare della mia ipersensibilità il mio punto di forza.

E questo, senza dubbio, è merito degli sforzi, scientifici e divulgativi, profusi dalla Dottoressa Travaini per fare in modo che l’alta sensibilità divenisse un argomento diffuso e conosciuto.

Carissima Dottoressa,

Quando ho iniziato questo percorso, non immaginavo mai di poter scoprire tante cose di me stessa.

Questo viaggio mi ha aiutato a ritrovarmi o forse proprio a trovarmi, dando un contenitore alla mia ipersensibilità, facendomi comprendere e sentire nel profondo, di essere unica e speciale.

Sono riuscita a riconoscere ed accettare le mie fragilitá e allo stesso tempo le qualitá in cui non credevo.

Questo mi ha dato forza, coraggio e soprattutto fiducia in me stessa.

Credo che questo sia il segreto per la “felicitá”. Ora non ho piú paura. Ora sono viva!!

Quando ho cercato una terapeuta per iniziare un percorso pensavo di aver bisogno solo di alcuni spunti esterni per continuare a risolvere da sola i miei problemi.

Oggi penso di essere stata fortunata a incontrare la dottoressa Travaini  perché, in realtà ho trovato uno spazio inaspettatamente accogliente, dove poter essere ascoltata davvero, dove potermi concedere di essere completamente libera di esprimermi, di ridere, di piangere, di lamentarmi, di riflettere, di arrabbiarmi, di essere contorta alla mia maniera o di stare semplicemente in silenzio senza sentirmi sola.