search slide
search slide
pages bottom

MINDFULNESS: TESTATA L’EFFICACIA NEL REGOLARE LE EMOZIONI

MINDFULNESS: TESTATA L’EFFICACIA NEL REGOLARE LE EMOZIONI

Uno studio dell’Università di Trento: “La mindfulness modifica la percezione soggettiva e fisiologica delle emozioni interpersonali e anche l’interazione nel comportamento sociale degli individui

Un gruppo internazionale di ricercatori, coordinato da Alessandro Grecucci, Remo Job e Nicola De Pisapia del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Università di Trento, sta cercando di dimostrare come la mindfulness – una tecnica per la meditazione consapevole che trae le sue origini nella meditazione di stampo buddista – possa contribuire in modo decisivo nella regolazione delle emozioni interpersonali, aiutando a contrastare alcuni tra i disturbi psicopatologici più diffusi nelle società occidentali.

Tra questi, l’ansia, una patologia che, nonostante sia difficile stimare le dimensioni del fenomeno, costituisce uno dei disturbi prevalenti nella popolazione, arrivando a colpire nell’arco di un anno circa il 3% della popolazione e il 5% nel corso della vita. Oppure la depressione che nei soli Stati Uniti colpisce ogni anno il 10% della popolazione o i disordini della personalità, attorno a cui negli ultimi vent’anni è cresciuto un vasto interesse soprattutto in ambito clinico e che affligge circa il 2% della popolazione mondiale.

I risultati empirici dello studio “Baseline and strategic effects behind mindful emotion regulation: behavioral and physiological investigation”, pubblicato in questi giorni sulla prestigiosa rivista scientifica Plos One si pone quattro importanti interrogativi: quali sono i processi attraverso cui la mindfulness regola le nostre emozioni? Questa tecnica può essere applicata alle emozioni sociali? Può modificare i nostri comportamenti verso gli altri? Può alterare la nostra reattività fisiologica?

«Dall’esame empirico condotto su due differenti gruppi di soggetti – spiega Alessandro Grecucci, neuroscienziato e psicoterapeuta – è emerso come la mindfulness alteri la percezione soggettiva e fisiologica delle emozioni interpersonali e agisca modificando anche l’interazione nel comportamento sociale degli individui».

La presenza di deficit nella regolazione delle emozioni interpersonali è stata associata alla presenza di disordini psichiatrici gravi, con pazienti che mostrano una reattività esagerata o, al contrario, soppressa nella relazione con altri individui.

«Capire come queste alterazioni avvengano e quali siano le implicazioni a livello di trattamento psicoterapico è di fondamentale importanza» spiega Grecucci. «L’incorporazione di alcuni principi derivati dalla mindfulness focalizzata sulle emozioni nel modello di terapia dinamico-esperienziale basata sulla regolazione emozionale (Experiential-Dynamic Emotion Regulation, EDER) su cui stiamo attualmente lavorando può portare ad una ridefinizione delle tecniche di regolazione emozionale da poter applicare in ambito clinico».

FONTE: http://webmagazine.unitn.it/news/ateneo/3708/mindfulness-testata-per-la-prima-volta-lefficacia-nel-regolare-le-emozioni