UNA MIGLIORE SESSUALITA’ CON LA BIOENERGETICA

Nella mia professione di Psicoterapeuta da oltre quindici anni raccolgo storie intime di molti uomini e donne: nella loro diversità, ciò che accomuna tutte queste esperienze è che le problematiche sessuali riflettono, sul palcoscenico erotico, tutte le dinamiche di quella specifica persona e di quella particolare coppia. Non si può quindi migliorare la qualità della sessualità se non si lavora anche sulla relazione. E le relazioni sono fatte di individui. Ed è da qui che tutto comincia: da noi stessi e dal nostro corpo.

Oggi le sollecitazioni erotiche sono moltissime e il corpo come oggetto sessuale è ovunque attorno a noi, in modo palese o nascosto, usato per manipolare, vendere e veicolare i messaggi più diversi: questo però non significa che la sessualità, oggi, sia sempre soddisfacente e che le persone siano felici. Anzi il sesso sembra essersi staccato dalla sua natura istintuale e spontanea.
La Bioenergetica, approccio psicologico a mediazione corporea, con Lowen e Reich prima di lui, si è occupata molto dell’importanza di una sessualità appagante come misura e strumento di una buona salute fisica e mentale.
La salute sessuale secondo questo approccio è la capacità di esprimere pienamente la propria spinta erotica e la possibilità di provarne piacere. Ma perché questo avvenga la persona deve essere “intera” o “integra”: testa, cuore, pancia, ovvero, pensieri, sentimenti /emozioni ed istinti.
Spesso però non è così.
Traumi, esperienze negative, problematiche infantili, educazione particolarmente rigida, tabù e sensi di colpa non riconosciuti, bassa autostima, aspettative alte o irrealistiche verso se stessi e l’altro sesso, convinzioni errate sul corpo e la sessualità: sono solo alcuni dei motivi per cui questa comunicazione tra le parti di noi si interrompe.
Pensare l’amore, sentire l’amore e fare l’amore sono tre ingredienti essenziali che devono trovare il proprio spazio in una coppia adulta e sana.
Troppo spesso invece ci fissiamo su uno di questi aspetti e le relazioni diventano parziali, frustranti, insoddisfacenti e non riusciamo a capire perché.
L’amore solo nella testa è un insieme di “cose” da fare insieme, di ruoli, di obiettivi da raggiungere e di tappe da conquistare. È progettualità svuotata di passione.
L’amore solo nel cuore rischia di diventare romanticismo fine a se stesso, un costante innamoramento dell’amore che però non si incarna in una relazione reale, fatta di corpo e di costruzione comune.
L’amore solo nella pancia è mero esercizio fisico, o spettacolo del proprio ego, dove il partner non esiste più come “altro” ma come oggetto che permette lo sfogo sessuale e l’appagamento narcisistico.

Quando l’integrità dell’essere è compromessa si possono manifestare ansie e problematiche anche nella relazione intima.
Impossibilità o difficoltà a provare l’orgasmo, assenza di desiderio sessuale o al contrario iper-sessualizzazione delle relazioni, dolore o paura durante i rapporti, eiaculazione precoce, impotenza su base psicologica, ansia da prestazione: sono solo alcune delle manifestazioni più frequenti. O ancora, persone sessualmente disinibite con partner occasionali, ma piene di tabù in coppia, oppure una sessualità appagante con persone per cui non si provano sentimenti e crollo del desiderio se ci si innamora.
La Bioenergetica, con le sue tecniche psico-corporee, si serve di esercizi fisici, respirazione, posizioni e contatti – sotto la guida di un terapeuta esperto che fornisce feed-back significativi – ed è finalizzata a ripristinare l’integrazione tra corpo e mente, per aiutare la persona a sciogliere i blocchi emotivi e i meccanismi di difesa che si creano sia a livello fisico e muscolare che psichico e che inibiscono il piacere e la gioia di vivere.
Tensioni e rigidità nell’area del bacino e del ventre sono molto diffuse sia nelle donne che negli uomini e il motivo risiede – come sostiene Lowen – proprio nel tentativo da parte della persona di controllare e limitare, pur desiderandole, le sensazioni sessuali che spaventano o creano sensi di colpa, vergogna, paura o inadeguatezza.

Spesso le persone non si accorgono di avere un blocco nel bacino collegato a problematiche sessuali fino a che non sperimentano alcuni semplici esercizi di bioenergetica e comprendono così che l’insoddisfazione che provano non è legata al partner specifico ma a un nodo emotivo e psicosomatico interno.
Ma, se si vuole vivere pienamente la propria sessualità,e avere una relazione felice, occorre che il bacino venga sbloccato e la vitalità fluisca libera lungo tutto il corpo dalla testa ai piedi.
Possono essere molto utili anche esercizi di coppia, movimenti semplici e giocosi, slegati dall’atto sessuale in sé, che aiutano ad aumentare l’autostima, la fiducia reciproca e la complicità.

Nicoletta Travaini

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta qui:

http://noi2magazine.com/2016/04/26/sessualita-e-bioenergetica/

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Sorry, the comment form is closed at this time.